11 luglio 1979: l’assassinio di Giorgio Ambrosoli

Giorgio Ambrosoli

 

L’11 luglio del 1979 veniva assassinato Giorgio Ambrosoli, avvocato e commissario liquidatore per conto della Banca d’Italia.

E’ stato accertato che il mandante dell’omicidio Ambrosoli sia stato Michele Sindona, oscuro banchiere e faccendiere siciliano.

Giorgio Ambrosoli ha portato avanti il proprio lavoro al servizio dello Stato Italiano, con abnegazione, onestà, dedizione, nonostante fosse chiaro che molte persone influenti gli stavano preparando ostacoli e una fine brutale.

Giorgio Ambrosoli è l’esempio di quella borghesia impiegatizia preparata, colta, onesta, animata da principi morali ineccepibili che è stata spazzata via a colpi di rivoltella e scorrettezze da parte della nuova classe politica e imprenditoriale, senza scrupoli.

 

WikiRadio, Rai Radio 3, martedì 11 luglio 2017

L`omicidio di Giorgio Ambrosoli su Rai Storia

 

 

Giulio Andreotti disse riguardo all’omicidio di Giorgio Ambrosoli

 

 

Il POST

L’eroe borghese

 

 

Precedente La convivenza civile Successivo Il tempo dell'avventura

Rispondi