Fogli matricolari

Per ricostruire il passato della propria famiglia

 

#foglimatricolari
Fogli matricolari

 

Storie di famiglia

Negli ultimi anni, molte persone hanno intrapreso ricerche storiche sui propri famigliari, un’operazione non sempre semplice e agevole.

Ricostruire il passato della propria famiglia è un’attività importante e lodevole, perché rallegra i ricordi degli anziani e insegna ai giovani come hanno vissuto prima di loro i genitori e i nonni.

Si riprende il filo con la propria storia, raccogliendo documenti, facendo interviste, colmando lacune memoriali.

Lettere, diari, cartoline, certificati ufficiali, documenti di proprietà rappresentano la base da cui iniziare.

 

Cosa sono i fogli matricolari

Tra i vari documenti da collezionare, ci sono anche i fogli matricolari, che testimoniano l’esperienza militare dei padri e dei nonni.

Il foglio matricolare contiene informazioni sul servizio di leva prestato, nello specifico vi sono indicati:

 

  • Dati anagrafici personali
  • Date di arruolamento, di chiamata alle armi, di trasferimento, di congedo
  • Arma e reparto di appartenenza, compagnia di assegnazione
  • Grado, compito
  • Eventuali ricoveri e periodi di cura
  • Eventuali onorificenze

 

Per quanto riguarda i fogli matricolari dei nati nel periodo dall’Unità d’Italia al 1908 circa, sono custoditi dall’Archivio di Stato di residenza.

Cosa sono gli Archivi di Stato

I fogli matricolari, per i nati dopo il 1908, possono essere richiesti al CEDOC, Centro Documentale che ha sostituito il Distretto Militare di appartenenza. Il CEDOC è definito “lo sportello dell’esercito verso il cittadino”.

I Centri Documentali dell’Esercito

Quindi, per chiedere e ricevere i fogli matricolari di un proprio famigliare, è necessario contattare il CEDOC della propria zona, che di solito è il capoluogo di Regione.

Elenco dei CEDOC

Il CEDOC chiede una lettera ufficiale dove si devono indicare le ragioni della richiesta, i nomi delle persone di cui si richiedono le informazioni, un’autocertificazione in cui si attesta che i famigliari sono al corrente della richiesta al CEDOC e che non vi si oppongono. All’autocertificazione (dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà – art. 47 DPR n. 445/2000) si deve allegare la copia di un documento valido.

 

Il fascicolo matricolare

Esiste un altro insieme di documenti che si chiama fascicolo matricolare, il quale invece contiene, oltre al già descritto foglio matricolare, anche altri documenti come lettere, comunicazioni, dichiarazioni, fotografie, annotazioni.

Il fascicolo matricolare può essere consultato dai congiunti (parenti) e dai loro delegati, in presenza di un addetto dell’archivio. I documenti possono essere riprodotti a pagamento. Se il militare è deceduto da oltre cinquant’anni, il fascicolo è disponibile per la sola visione.

 

Guida per le ricerche di militari

Norme per la consultazione Ufficio Storico dell’Esercito

Progetto “Storia e Memoria”

 

Salva

Salva

Precedente Grande Guerra Successivo Judo: i benefici effetti di praticarlo

Rispondi