La Nazionale di calcio

La nazionale di calcio unisce gli italiani

 

nazionale
La nazionale di calcio

 

La Nazionale di calcio sopra tutto

In ogni periodo dell’anno, in Italia, si parla di calcio. In ogni stagione, con qualsiasi clima, l’argomento preferito nei discorsi della gente “comune” pare essere il gioco del calcio. Dal campionato di serie A al torneo di una serie minore, oppure il campionato del mondo o europeo.

Il calcio è fondamentalmente un argomento ludico, una passione, ma talvolta assume toni e rilevanza tali da passare a livelli più importanti. Succede a causa della distorsione che creano le persone.

La gente guarda più volentieri una partita, allo stadio o in tv, meno volentieri va a votare. Grazie al diritto di voto tutti possiamo cambiare le sorti dell’intero Paese, invece non è così guardando una partita.

 

Uniti ma in ordine sparso

Gli italiani si uniscono sotto la bandiera della nazionale di calcio, che agisce da collante sociale. Il calcio è il nostro sport nazionale. Terminata la partita, però, torna a regnare la disgregazione, l’isolamento. Ognuno pensa al proprio orticello, per il bene comune vedremo (forse).

Sono relativamente pochi gli esempi di aggregazione per i diritti comuni, per la legalità: sono infinitamente minori della massa di magliette azzurre che guardano la partita.

La parte migliore del Paese è composta dai volontari, che impegnano il proprio tempo a favore di chi ha bisogno; ma anche loro sono una minoranza.

 

Quale identità collettiva?

Possiamo dire senza retorica che, ad un secolo dallo scoppio della Grande Guerra, il popolo italiano ha perso l’identità nazionale, ha dimenticato la proprio cultura unitaria. Abbiamo dimenticato i valori del Risorgimento, culminato appunto con la Grande Guerra. Abbiamo forse dimenticato i valori del rispetto reciproco, del mutuo aiuto, della famiglia, della Patria, del rispetto delle regole. Sono anni ormai che ricorrono queste parole. Purtroppo si moltiplicano i cattivi esempi dei disonesti, amplificati dalla televisione.

Ci si indigna per un fallo, un rigore, un gol mancato, ma non alla stessa maniera per le truffe, le ingiustizie, la corruzione.

Siamo tutti uniti sotto la bandiera della nazionale di calcio, ognuno per conto suo per tutto il resto.

 

Il calcio
Il calcio e la nazionale

 

 

Articoli correlati

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Precedente Aspettative di vita, al bivio Successivo La notte d’estate

Rispondi