Tom Bombadil

Il mistero di Tom Bombadil

tombombadil
Tom Bombadil

 

Il personaggio di Tom Bombadil rappresenta un elemento di secondo piano, nel capolavoro di J. R. R. Tolkien, “Il Signore degli Anelli”. Compare nel primo libro “La Compagnia dell’Anello”.

Nella trasposizione filmata dell’opera di Tolkien, Tom Bombadil è stato escluso.

Nell’economia del racconto originale, rappresenta tuttavia un esempio di personaggio fantastico e molto positivo. Prima aiuta gli Hobbit in seria difficoltà, poi li invita e li accoglie in casa sua. Offre loro ristoro e riparo.

Tom Bombadil è misterioso. Gli Hobbit, che si imbattono in lui, non riescono a capirne appieno la natura e l’identità.

Veste di azzurro, il colore dei fiori “non-ti-scordar-di-me” e del cielo, porta calze verdi, un cappello giallo.

Afferma in più occasioni di essere vecchio, talmente vecchio da essere stato testimone di tutti i più importanti avvenimenti della sua terra.

Sua moglie, Baccador Figlia del Fiume, lo descrive come il “Messere” di bosco, acqua e collina, è il signore della Vecchia Foresta.

Spesso e volentieri, canta strofe sue personali, molto caratteristiche. Tom Bombadil è cordiale e gran chiacchierone, può vantare una grande memoria.

Vale la pena leggere, nuovamente, qualche passaggio su questo simpatico personaggio, perché la sua presenza è avvolta in una sorta di mistero non dichiarato.

In due passaggi, il protagonista Frodo Beggins chiede esplicitamente informazioni su Tom Bombadil, senza tuttavia ottenere gran che.

Il mistero rimane, chi è davvero Tom Bombadil?

Biografia – parte 1

Biografia – parte 2

“Il Signore degli anelli” – “Libro primo – La Compagnia dell’anello” Rusconi Milano, XXVIII edizione 1994, pag. 164-200

Nelle pagine seguenti, si possono leggere estratti dal libro “La Compagnia dell’Anello”.

Precedente Il dentista Successivo Merda d’artista

Rispondi